Camino bioetanolo: opinioni

Camino bioetanolo: opinioni

22/03/2021 Off Di Sandra Buccilli

Caminetto bioetanolo: come funziona

Negli ultimi tempi, sempre più persone si chiedono se vale la pena comprare i biocamini. Questi strumenti possono rivelarsi utili ed offrire numerosi benefici. Tuttavia, non tutti riescono a comprendere quali sono i vantaggi di questi strumenti.

Anzi, alcuni sono totalmente all’oscuro delle caratteristiche di questi oggetti. In quest’articolo, verranno presi in considerazione tutti gli argomenti inerenti ai biocamini. Ecco quindi, quello che occorre sapere al riguardo.

Biocamino come funziona e cos’è

Come prima cosa, occorre partire dalle basi e vedere cosa sono i biocamini (approfondisci https://www.maisonfire.com) conosciuti anche come camini al bioetanolo. Quest’ultimo è un alcol etilico, un elemento naturale a basso impatto ambientale.

Si può intuire quindi, che questo camino non inquina, piuttosto viene considerato un ottimo strumento per chi vuole riscaldarsi senza accumulare fumo nocivo che può danneggiare l’ambiente. Questo avviene perché il bioetanolo funziona come combustibile e sostituisce la legna.

Di conseguenza. vengono eliminate anche le scintille e le sostanze tossiche. In più, un camino del genere non ha bisogno di una canna fumaria. Proprio così, sarà possibile avere un camino in casa senza procedere con modifiche strutturali al proprio ambiente domestico. In poche parole, un biocamino rappresenta un vero sogno per coloro che da sempre volevano ottenere questo strumento ma non avevano la possibilità di modificare la struttura dell’appartamento.

Naturalmente, occorre anche considerare il fatto che le possibilità di riscaldare di questo strumento sono limitate rispetto ad un camino particolare. Tuttavia, questo è un argomento che verrà approfondito in seguito. Ora tutti conoscono cos’è un biocamino e quali sono le sue caratteristiche principali.

Camino bioetanolo: scalda?

In parte, nel paragrafo precedente sono stati già elencati quelli che sono alcuni vantaggi principali dei biocamini. Ad ogni modo, è opportuno ripetere quali sono i benefici principali che tali prodotti possono donare a chi ne fa uso.

Un biocamino può essere installato da chiunque in casa, a causa della sua praticità. Ancora una volta, è bene ricordare che questo prodotto non necessita di una canna fumaria. Questo significa che anche chi non avrà la possibilità di fare lavori nell’abitazione potrà ottenere il camino e riscaldarsi durante la stagione invernale.

Un altro vantaggio consiste nel calore provocato da questo camino. Una volta che tale strumento verrà acceso, si riscalderà in tempi molto brevi. Il calore creato si propagherà per tutto l’ambiente e si potrà avvertire in modo quasi immediato un tepore rilassante. In poche parole, se si vuole combattere il freddo, utilizzare questo potente alleato è una mossa saggia ed efficace.

In più, usare un camino a bioetanolo non nuoce all’ambiente. Tale biocamino può essere utilizzato anche per lunghi periodi di tempo, senza preoccuparsi di rilasciare nell’aria sostanze nocive. In questo modo, si potrà avere una coscienza pulita e si contribuirà alla salvaguardia dell’eco-sistema senza rinunciare al calore nell’ambiente domestico.

Oltre a ciò, il biocamino può essere spostato in modo pratico ed efficace. La sua installazione è davvero semplice e tale prodotto può passare da una stanza all’altra con estrema facilità. Infine, anche tenerlo pulito e ordinato è molto semplice. Se si comparano le operazioni di pulizia con quelle che occorre effettuare quando si possiede un camino a legna, la differenza sarà sostanziale! Pulire un biocamino è semplice, chiunque può farlo efficacemente.

Infine, bisogna anche considerare quelli che sono i vantaggi estetici di un biocamino. Questo strumento è spettacolare dal punto di vista del design, rappresenterà il tocco in piiù se si ama arredare con buon gusto la propria abitazione.

Per ricapitolare, i principali vantaggi che derivano da un camino a bioetanolo sono:

  • Non necessita di una canna fumaria
  • Non inquina l’ambiente grazie al funzionamento al bioetanolo
  • Riscalda in modo rapido l’ambiente domestico
  • Si può spostare grazie all’installazione pratica
  • Pulirlo è molto semplice
  • Vantaggi estetici

Quali tipi di biocamini si possono trovare?

A questo punto, è bene analizzare quali sono i biocamini che si possono trovare comunemente sul mercato. Ebbene, ci sono diversi modelli che vengono proposti alla clientela da parte delle attività commerciali specializzate. Per questa ragione, è appropriato conoscere quelle che sono le principali differenze.

I modelli più comuni vengono definiti biocamini a incasso. Questi prodotti vengono installati direttamente nel muro di casa. Non a caso, vengono considerati anche i modelli che possiedono un’installazione più complicata, che deve essere effettuata da personale esperto solo una volta. Per tale ragione, prima di procedere con quest’operazione, una famiglia dovrebbe decidere in modo saggio dove far installare tale prodotto. Inoltre, bisogna anche considerare se nel punto scelto per l’installazione vi siano elementi elettrici o altro. In ogni caso, dopo che il personale autorizzato avrà fatto tutti i controlli di routine, avere tale elemento in casa sarà una piacevole aggiunta al proprio design domestico.

Un altro modello molto gettonato è quello dei caminetti a bioetanolo a parete. Come si può facilmente intuire, tali prodotti vengono appoggiati ad una parete, seguendo le indicazioni del padrone di casa. In poche parole, occorre pensare a quelli che sono i grandi televisori che spesso si trovano in un ambiente domestico. Ecco, i caminetti a parete sfruttano lo stesso sistema di installazione e si integreranno perfettamente con l’ambiente nel quale verranno installati. Si consiglia questo genere di installazione a coloro che vogliono inserire il biocamino in soggiorno e in bella vista.

Ancora, sul mercato sono disponibili caminetti da appoggio. Solitamente questi prodotti sono molto piccoli, le loro dimensioni sono ridotte. Tuttavia, svolgono il loro dovere in modo eccellente. In più, tali strumenti riescono ad avere un vantaggio eccezionale, vale a dire possono essere spostati con facilità da una stanza all’altra. Un’ottima notizia per coloro che vogliono essere sempre al caldo, specialmente durante la stagione invernale.

Molto belli da vedere anche i biocamini sospesi. In un primo momento, questi ultimi possono ricordare dei quadri. Vanno appesi alla parete attraverso un pratico sistema di installazione. Inoltre, il loro design è molto sottile, curato in ogni minimo dettaglio. Anche questi caminetti si comportano molto bene dal punto di vista delle prestazioni, riuscendo a riscaldare casa in modo veloce e efficiente. Si consiglia questo modello a coloro che magari possiedono un’abitazione dallo stile moderno e minimale.

Se si vuole optare per un modello piccolo e per niente ingombrante, allora occorre scegliere i caminetti da tavolo. Sembra impossibile, ma i biocamini possono avere anche dimensioni molto piccole che li fanno assomigliare a utensili o vasi decorativi. In questo modo, sarà possibile averli sempre a portata di mano, visto che spostarli sarà un gioco da ragazzi. Certo, la loro potenza è limitata ma se occorre riscaldare un ambiente domestico piccolo, questo modello va più che bene.

Infine, bisogna menzionare i biocamini a isola. Questi modelli possiedono delle ruote alla base e solitamente vengono installati al centro di una stanza molto grande. Perfetti, se si ha un’abitazione open space, che collega due stanze senza muri divisori. Inoltre, tali modelli non dipendono da sistemi indotti, ma riescono a funzionare tramite speciali meccanismi che regolano la combustione.

Quali sono le funzionalità di un biocamino?

Dopo aver analizzato vantaggi e modelli di un camino a bioetanolo, occorre ora vedere quali sono le sue funzionalità. Capire il funzionamento di uno strumento simile è più semplice di quello che si pensa.

In pratica, il biocamino produce calore producendo un fuoco leggero che viene alimentato dal bioetanolo. Questa sostanza una volta che viene accesa non produce fumo, sostanze nocive per l’uomo oppure odori di pessimo gusto. La potenza di riscaldamento che viene solitamente raggiunta da un biocamino è di 3,5-4 kw/h.

Come si può intuire, un solo biocamino non riesce a riscaldare una casa intera. Certo, molto può variare dalle dimensioni del modello acquistato e dalla grandezza della propria casa. Tuttavia, uno strumento del genere riesce a provocare un calore efficiente solo in una stanza. In media, un camino a bioetanolo riesce a riscaldare una stanza di circa 50 metri quadri senza problemi di alcun genere. Se si è furbi, si potrà integrare l’azione riscaldante del biocamino ad altri sistemi di riscaldamento come stufe oppure termosifoni. In questo modo, si otterrà un riscaldamento totale dell’abitazione, risparmiando sull’energia consumata.

Naturalmente, il bioetanolo è il combustibile principale e non è infinito. Questo significa che occorre avere in casa sempre una scorta abbondante se si vuole utilizzare un biocamino. Proprio come la legna dunque, una volta che il bioetanolo sarà terminato, bisognerà aggiungerne altro nel caminetto. Comunque, la sostituzione del combustibile è un’operazione semplice ed anche più sicura rispetto ai camini tradizionali.

Quanto riscalda un biocamino?

Nonostante tutto, qualcuno potrebbe continuare a nutrire dubbi sull’efficienza dei biocamini. Non a caso, molti non scelgono questi prodotti perché li considerano solo strumenti adatti per migliorare il design della propria abitazione. Non è affatto così! I biocamini possono riscaldare una stanza e possono farlo in modo ottimale.

In particolar modo, se si sceglie un biocamino a muro, si può avere la certezza di ottenere sempre calore nella stanza dell’installazione. Come accennato in precedenza, biocamini di questo genere e di grandi dimensioni riescono a riscaldare ambienti fino a 50 metri quadri.

Questo potrebbe far riflettere anche coloro che vivono in monolocali o case piccole. Difatti, grazie all’installazione di questo prodotto, è possibile ottenere riscaldamento in modo pratico ed efficiente, risparmiando sui costi in bolletta.

I biocamini puzzano?

Assolutamente no! Il bioetanolo è un combustibile fantastico proprio per questa ragione. Oltre ad emanare calore, questo elemento non rilascia odori nell’ambiente una volta che brucia. Questo significa che si potrà avere acceso per ore il biocamino senza avvertire fastidi di alcun genere.

Tale risultato avviene perché il bioetanolo zero odori è un combustibile fossile ma di origine naturale. Ecco spiegato anche perché usufruire di questo elemento è una salvaguardia per l’ambiente.

Inoltre, il camino a bioetanolo non rilascia fumo. Ecco perché non necessita di una canna fumaria e può essere utilizzato senza problemi anche in ambienti indoor.

Quali rischi si corrono con i biocamini

Come si è potuto vedere, i biocamini sono strumenti efficienti e di alta qualità. Tuttavia, come dice anche un proverbio molto comune, non occorre scherzare con il fuoco. I camini a bioetanolo non sono dei giocattoli e anche se sono generalmente più sicuri rispetto ad un camino tradizionale, bisogna maneggiarli con attenzione. Specialmente nei primi tempi, quando non si possiede dimestichezza con questi oggetti, non occorre essere molto azzardati.

Dunque, è necessario mostrare la massima attenzione quando si maneggia il bioetanolo. Questo materiale è estremamente infiammabile ed un movimento brusco potrebbe farlo accendere inaspettatamente. Ciò potrebbe danneggiare cose o addirittura persone presenti all’interno dell’ambiente domestico.

In più, bisogna assicurarsi che non ci siano materiali combustibili o altamente infiammabili nelle vicinanze del caminetto. L’area circostante a questo strumento dovrebbe essere sgombra o quantomeno arredata con oggetti sicuri, resistenti al fuoco.

Se si sceglie di installare un camino a parete poi, è bene assicurarsi di rispettare tutti gli standard di sicurezza. Per questa ragione, si consiglia di affidarsi a personale esperto e competente che saprà sicuramente dare una valutazione obiettiva prima di procedere all’installazione.

Infine, attenzione alla presenza di bambini o animali nell’ambiente domestico. Queste categorie potrebbero essere a rischio, in quanto potrebbero essere incuriosite dalla novità rappresentata dal biocamino. Per questa ragione, bisogna evitare che animali o piccoli possano avvicinarsi al caminetto senza la supervisione di un adulto. In più, attenzione anche alla vicinanza dell’animale al camino. Cani e gatti in particolare potrebbero essere attratte dal calore del biocamino ma una vicinanza eccessiva potrebbe portare a scottature dolorose.

Vendita biocamini: dove trovarli?

Qualcuno potrebbe essersi convinto dell’efficacia dei caminetti a bioetanolo. Tuttavia, non sa proprio dove poter acquistare questi prodotti.

Come analizzato in precedenza, ci sono diversi modelli sul mercato. Allo stesso tempo, ci sono anche numerosi brand che mettono a disposizione degli appassionati dei prodotti di ottima qualità. Coloro che sono neofiti in tale settore comunque, potrebbero essere in confusione riguardo alla scelta dei prodotti da acquistare per la propria casa.

Per questa ragione, per comprare un primo caminetto che possa soddisfare le proprie aspettative, è una buona mossa quella di affidarsi a MaisonFire. Perché?

Ebbene, tale brand opera da anni in questo settore e sa esattamente di cosa hanno bisogno coloro che desiderano un caminetto. In più, propone prodotti diversi che si sposano con le esigenze di chiunque. I biocamini del marchio sono di ottima qualità, realizzati per durare nel tempo e non creare problemi a chi non ha esperienza con essi.

Infine, c’è da considerare anche l’aspetto prezzo. I costi dei caminetti MaisonFire sono vantaggiosi e accessibili. MaisonFire può essere una scelta saggia quando si desiderano biocamini per la propria abitazione.

Caminetto bioetanolo: opinioni

Come ultimo paragrafo di questa guida sui biocamini, occorre considerare quelle che sono alcune opinioni su tali prodotti. In effetti, in teoria si sono potuti notare tutti i pregi e le caratteristiche di tali strumenti. Ma funzioneranno davvero? Ecco perché occorre leggere quelle che sono le opinioni degli esperti.

Coloro che sono tecnici di questo settore, considerano i caminetti a bioetanolo l’ideale se si vuole riscaldare una stanza domestica. Difatti, tali strumenti non consumano molto dal punto di vista energetico e riescono a donare il calore che serve per superare il freddo. Allo stesso tempo, questi prodotti salvaguardano l’ambiente.

In più, tali camini sono semplici da installare. Anche operazioni come manutenzione e pulizia vengono effettuate con pochi passaggi. Ecco perché chiunque abbia provato un caminetto a bioetanolo si dichiara soddisfatto.

In ultima analisi, non resta che provare in casa propria l’efficienza di questo prodotto. Sicuramente, dopo aver sperimentato quelle che sono le sue caratteristiche in pratica, si potrà avere un’opinione chiara e positiva in merito ai biocamini, approfittando dei benefici che sono in grado di donare.